De… Diego Llorente

De… Diego Llorente

17 Giugno, 2019 0 di Alfredo Montalto
RuoloDifensore centrale
Luogo di nascitaMadrid, Spagna
Data di nascita16/08/1993
ClubReal Sociedad
PiedeDestro
Altezza1.86
Peso75 kg

Diego Llorente sembra aver assorbito tutte le caratteristiche per essere considerato il tanto ambito “centrale moderno”. La sua bravura nell’impostazione da dietro, l’abilità nelle letture difensive e l’ottima velocità lo rendono un giocatore con caratteristiche difficilissime da trovare.

Llorente ha fatto tutta la trafila delle giovanili nel Real Madrid, prima di passare al Castilla (la seconda squadra dei Blancos) e in prestito a Rayo Vallecano e Malaga. Ceduto alla Real Sociedad per 7 milioni nel luglio 2017, è definitivamente esploso. Dopo diversi anni di praticantato sembra ormai pronto al grande salto.



Momentum

📅  18/11/2018, Gran Canaria, Amichevole, Spagna – Bosnia 1-0: Per la prima volta è titolare con la Roja. 

Caratteristiche fisiche

Llorente è un giocatore dalla corporatura longilinea, con spalle strette e gambe lunghe. Questo gli garantisce un’ottima falcata e una grande velocità. È un giocatore molto rapido sia sul lungo che  sul breve, riuscendo ad essere agile nei cambi di direzione.

Ha inoltre un meraviglioso stacco aereo, grazie a centimetri, gambe forti e coordinazione. La capacità di allungamento delle sue gambe è un’altra caratteristica che lo contraddistingue.

Fatica contro avversari particolarmente fisici, a volte non regge l’impatto ed è costretto al fallo per tenerli.

Qualche acciacco muscolare di troppo ne ha condizionato specialmente l’ultima stagione, in cui ha giocato solo 21 partite, venendo spesso fermato dagli infortuni. I più gravi: ad aprile uno strappo di 1° grado al muscolo gemello della gamba destra mentre ad agosto era stato fermo due mesi per problemi alla caviglia.


Caratteristiche tecnico/tattiche

Fase offensiva

Capacità tecniche

Llorente è un giocatore dotato di ottime doti tecniche, che esibisce continuamente. I passaggi in verticale sono la sua arma in più. Possiede una visione di gioco inaspettata per un centrale di difesa: gioca a testa alta e appena vede un corridoio che gli permetta di servire il compagno effettua il passaggio, che può essere anche lungo 30 metri. Difficilmente si limita a un semplice appoggio, a meno che non sia obbligato dalla situazione a compierlo. Anche nei passaggi in orizzontale è pulitissimo e raramente mette in difficoltà il compagno, dando i giusti tempi alle sue giocate. Usa con naturalezza anche il piede sinistro, imbucando palloni splendidi in avanti di mancino.  

Un’altra sua qualità sono i lanci: ha un calcio potentissimo che gli permette, anche da fermo, di raggiungere grandi distanze. È molto preciso anche in questa giocata, permettendo di sorprendere la difesa avversaria sulla profondità se coperta male. In particolare, ama il lancio nel settore di sinistra, dove cerca l’esterno o la punta che si è allargata.

Controlla bene palloni volanti, utilizzando il petto elegantemente. Ha un buon tocco di palla che ne facilita la conduzione.

Comportamento tattico

Può giocare come centrale destro di difesa, come centrale di sinistra e ha giocato anche da mediano. Le qualità tecniche e fisiche e l’ottima concentrazione gli permettono di disimpegnarsi al meglio nei vari ruoli. Come già detto, tatticamente risulta utilissimo in fase offensiva, saltando sempre la prima linea di pressing con passaggi millimetrici e la seconda con ottimi lanci. Rischia sempre la giocata sul pressing, fidandosi della sua tecnica.

Non ha inoltre paura quando si tratta di smarcarsi, ma anzi si mette sempre nella posizione migliore per farsi dare il pallone. Si abbassa al lato dell’area di rigore per ricevere il rinvio corto del portiere.

Peculiarità

Ha un gran calcio e batte le punizioni nella propria metà campo. Spesso fa una giocata: in fase di impostazione, quando ricopre il ruolo di difensore sinistro nella difesa diventata a 3 con l’abbassamento del mediano, alza la testa ma se viene attaccato dalla punta avversaria copre il pallone con il corpo, fa una mezza giravolta e si appoggia all’indietro, sempre usando il piede destro. 

Si inserisce bene in area in occasione dei calci piazzati. Difficilmente, in situazioni di transizione offensiva, arriva fino alla porta avversaria. Per lui, 7 gol in 57 presenze con la Real Sociedad, 13 in carriera di cui 9 di testa.

Fase difensiva

Comportamento tattico

Ha un buon posizionamento, ma la dote in cui più spicca è la copertura della profondità: vista la sua velocità e le sue letture, è davvero difficile sorprenderlo. Copre bene le sue spalle anche sui cross dalla trequarti: sia di testa che in scivolata riesce a respingere bene il pallone. Bravo nell’anticipo, che esegue con frequenza, sempre grazie alla sua rapidità. 

Marca l’uomo nella zona sui calci piazzati e tende a farlo con ottima attenzione, non perdendosi l’avversario.

Peculiarità

Llorente soffre avversari particolarmente fisici, contro cui può perdere i classici duelli rusticani che si creano fra punta e difensore.

È preciso nei contrasti, ha un ottimo tempismo che gli permette di toccare il pallone nel momento giusto.

Bravo di testa, specialmente quando deve correre all’indietro su lanci lunghi a scavalcare la linea difensiva. Riesce sempre a trovare il tempo per intervenire di testa ed è anche abile a indirizzare la palla in zone poco pericolose. Aggressivo quando accorcia sull’avversario spalle alla porta, ma un po’ troppo irruento: se il contendente protegge bene il pallone, si vede costretto al fallo non riuscendo a frenarsi.


Caratteristiche comportamentali

Non guida lui la linea, ma il compagno di reparto. Nonostante ciò, partecipa attivamente al giro palla da dietro, chiamando il pallone a gran voce quando è libero di giocare. Dimostra grandissima personalità nel modo in cui gestisce il pallone, non limitandosi praticamente mai all’appoggio semplice, ma svolgendo il ruolo di regista arretrato della squadra. 

Commette falli evitabili, non temporeggiando quasi mai quando si tratta di affondare l’intervento o tentare l’anticipo. 

È un giocatore che garantisce continuità di rendimento, anche grazie ai pochi errori di “concentrazione” che compie. Difficilmente perde colpi durante il match, risultando sempre affidabile e sicuro.


Miglior pregio e peggior difetto

✅ L’incredibile quantità di key-passes che effettua.

❌ I tanti problemi muscolari potrebbero condizionarne la carriera. 




Le 3 domande all’osservatore…

Che giocatore ricorda?

Marquinhos per velocità, qualità tecniche, fisico e personalità.

Quale potrebbe essere la sua valutazione economica (tenendo conto delle quotazioni di mercato odierne)?

Llorente dovrebbe già valere almeno 25 milioni, considerando le sue grandissime qualità e l’essere già parte della Nazionale spagnola.

In un top club che problemi potrebbe avere?

Sicuramente le sue qualità tecniche e il coraggio nell’impostazione lo rendono un difensore moderno, molto ricercato e utile per squadre che si basino sulla costruzione da dietro. Gli infortuni e l’impatto fisico ad alti livelli sono i principali dubbi sulla sua carriera.