De… Ondrej Duda

De… Ondrej Duda

10 Settembre, 2019 0 di Alfredo Montalto
RuoloTrequartista
Luogo di nascitaSnina, Slovacchia
Data di nascita05/12/1995
ClubHerta Berlino
PiedeDestro
Altezza1.81
Peso64 kg



Momentum

📅  28/09/2018, Berlino, Bundesliga, Herta Berlino – Bayern Monaco 2-0: Nella storica vittoria dell’Herta sui ben più quotati bavaresi, Duda è autore di una prestazione magnifica, arricchita dalla seconda segnatura.

Caratteristiche fisiche

  • Corporatura: Brevilinea, baricentro basso.
  • Fisico: Esile fisicamente, soffre gli scontri fisici. Spalle medie e abbastanza basse, braccia esili.
  • Velocità: Abbastanza rapido nel breve, ha anche una buona progressione.
  • Capacità coordinative e utilizzo del corpo: L’ottima coordinazione gli permette gesti tecnici/balistici importanti. Sa utilizzare bene il corpo, possedendo la capacità innata di gestirlo per addomesticare il pallone.
  • Infortuni: Il problema più grave è stata la rottura del tendine rotuleo durante la stagione 2016/17. Tale problema lo fece stare lontano dai campi per 8 mesi. Dopo il rientro dall’infortunio, Duda ci mise molto a tornare in condizione e a riprendersi del tutto fisicamente: un mese dopo il ritorno, subì uno strappo che lo lasciò un altro mese fermo. 

Caratteristiche tecnico/tattiche

Fase offensiva

Capacità tecniche

Qualità tecniche: Di altissimo livello.

Piede debole: Usa bene anche il sinistro, effettuando ricezioni, lanci e passaggi precisi.

Ricezione: Generalmente ottima e orientata alla giocata successiva. Può capitare che ne sbagli alcune abbastanza banali, probabilmente per deficit di concentrazione.

Passaggi/lanci: Precisione assoluta in questo fondamentale. Duda effettua frequenti cambi di gioco ed è uno specialista dei filtranti alle spalle della difesa. Nel gioco palla terra, difficilmente commette errori. Riesce a manovrare ottimamente lo spazio/tempo nella scelta di quando cedere il pallone. Usa bene e spesso il tacco.

Dribbling: Le superlative qualità tecniche e la rapidità gli garantiscono un’ottima abilità nel dribbling, indubbiamente una delle sue qualità maggiori. Una sua giocata classica è il “bridge”, che riesce a realizzare anche in pochi metri.

Comportamento tattico

Ruolo: Gioca prevalentemente dietro due punte. A partita in corso, nell’Herta, viene a volte arretrato nel ruolo di mezzala (soprattutto quando la squadra deve recuperare un risultato). In nazionale, ha giocato spesso prima punta (nel ruolo di falso nueve). 

Movimenti: Duda è molto bravo a muoversi fra le linee, cercando sempre la posizione migliore per ricevere il passaggio. Un altro suo pregio è il modo in cui attacca la porta, sempre con l’abilità di trovare la linea di passaggio attraverso la quale sia possibile servirlo.

Visione di gioco: Duda è indubbiamente un giocatore che “vede calcio”, come si suol dire. Sia spalle che fronte alla porta, trova quasi sempre il compagno giusto da servire, risultando perfetto oltreché nella precisione dei passaggi, anche nelle scelte.

Key-pass: Una delle qualità migliori di questo giocatore. Verticalizza con impressionante qualità, sia quando si abbassa (per superare la linea di centrocampo avversaria) sia direttamente per servire gli attaccanti in profondità.

Peculiarità

– Un’altra sua grande qualità è il tiro, molto preciso e con buona potenza, sia di destro che di mancino. Anche il tiro a giro è nelle sue corde. Batte benissimo anche i piazzati, sopra o sotto la barriera. 

Molto freddo sotto-porta.

– Sa attaccare bene la profondità, anche se non lo fa con frequenza.

Utilizza bene il corpo quando gioca spalle alla porta e effettua giocate ottime di prima intenzione.

Il colpo di testa non è una sua qualità, soprattutto quando deve andare in contrasto con l’avversario per colpire il pallone. Non si trova a suo agio sulle palle alte, ha bisogno del gioco palla a terra per rendere.

Svaria molto sul fronte d’attacco, è sempre in movimento e ricerca lo smarcamento.

Fase difensiva

Comportamento tattico

Posizione: A volte gli viene fatto seguire il play avversario. Nei casi in cui non gli è richiesto questo lavoro, si pone a schermare i passaggi da difesa a centrocampo. Bravo nell’intercetto, grazie a delle ottime letture sui passaggi.

Ripiegamenti: Spesso un po’ indolente nell’atteggiamento, lo si vede sovente camminare in campo, senza aiutare la squadra in fase difensiva.

Calci piazzati: L’Herta lo lascia al limite dell’area per coprire il passaggio arretrato, nella Slovacchia invece va a saltare per una marcatura a zona.

Peculiarità

– Non esce quasi mai vincente dai contrasti, spesso li perde anche per carenze fisiche. Tuttavia, non si esime da scontri e usa bene la postura per provare ad ottenere un vantaggio.


Caratteristiche cognitive/comportamentali

  • Comportamento: Molto aggressivo in campo, si arrabbia spesso per i falli, con arbitro e avversari.
  • Continuità: Duda tende a garantire quasi in ogni partita un buon rendimento, almeno nella qualità delle sue giocate. Può soffrire delle marcature particolarmente asfissianti nei suoi confronti, che lo fanno uscire mentalmente dalla gara.

Miglior pregio e peggior difetto

✅ La visione di gioco “cinematografica”.

❌ Il fisico leggero. 




Le 3 domande all’osservatore…

Che giocatore ricorda?

Riccardo Saponara gli assomiglia per ruolo, qualità tecniche e modo di giocare. Duda è, però, già superiore al trequartista ex Milan per continuità di prestazioni.

Quale potrebbe essere la sua valutazione economica (tenendo conto delle quotazioni di mercato odierne)?

Una cifra fra i 20 e i 25 milioni potrebbe smuovere l’Herta Berlino a cederlo, considerando le sue qualità, la giovane età, ma i non ampissimi margini di miglioramento.

In un top club che problemi potrebbe avere?

Nonostante il suo talento cristallino, Duda non ha un’incidenza nelle partite tale da poter essere un trequartista titolare di una grande squadra (ruolo in cui di solito i top club schierano le loro eccellenze ). I suoi limiti sono principalmente fisico-atletici.